La Stella di Natale
– Biografia di una star di Hollywood

Le tappe della sua carriera mondiale

La Stella di Natale è originaria dell’America Centrale e del Messico. Ma il suo successo mondiale cominciò laddove la carriera di tutte le stelle del cinema ha origine: a Hollywood, California.

Un’antica leggenda atzeca narra che questa pianta dalle lucenti brattee rosse sia il risultato di una tragica storia d’amore . Le gocce di sangue scaturite dal cuore infranto di una dea Azteca hanno creato la stella di Natale. Gli Aztechi apprezzavano la pianta che abbelliva le regioni montuose tropicali durante le brevi giornate invernali per il suo aspetto decorativo, ma anche e soprattutto per le sue effettive proprietà. Nella loro lingua, la stella di Natale era chiamata 'Cuetlaxochitl'. Dalle sue brattee estraevano il pigmento rosso usato per i tessuti ed i cosmetici. La linfa lattiginosa della stella di Natale veniva lavorata per produrre un preparato antipiretico.

Nel clima sub-tropicale, da dove proviene, la Stella di Natale è un cespuglio e può arrivare a misurare fino a 4 metri di altezza. La Stella di Natale selvatica affascinò Joel Poinsett all’incirca nel 1828. Ambasciatore statunitense in Messico, dottore e cultore di botanica, portò la stella di Natale via con sé, a casa sua negli USA. E in suo onore, alla stella di Natale fu dato il nome di ‘Poinsettia’. Ma questo non è tutto: sin dalla metà del 18° secolo, negli Stati Uniti il 12 dicembre, si celebra il giorno in cui Poinsett morì, con ‘il giorno della Poinsettia’ Ed è tradizione in questa giornata, scambiarsi le stelle di Natale – una bella consuetudine che sta prendendo piede anche in Europa.

Questo meraviglioso fiore invernale fu scoperto in Europa all’inizio del 19° secolo. Nel 1804, il naturalista Alexander von Humboldt notò questa vivace pianta rossa e in seguito ad un viaggio in America ne portò con sé in Europa un esemplare. A Berlino nel 1833 fu catalogata e le fu dato il nome botanico di ‘Euphorbia pulcherrima’, la ‘più bella delle euphorbiae’ dal botanico Carl Ludwig Willdenow. Ed è del 1834, la descrizione della stella di Natale redatta da Johann Friedrich Klotzsch, dottore, chimico e custode del Museo Botanico di Berlino, secondo un documento dell’erbario ‘Willdenow’.

Una stella – per bouquet e per vaso

Il tedesco Paul Ecke, emigrato in America,  ha iniziato la commercializzazione della Stella di Natale all'inizio del XX secolo – avendo così una illustre carriera a livello globale. Affascinato dalle rosse piante che crescevano selvatiche vicino alla sua fattoria californiana, Ecke provò a coltivare le Stelle di Natale. Registrò i successi iniziali con i freschi ramoscelli che commercializzava come piante di Natale. Suo figlio, Paul Jr., li vendette presso punti importanti: Boulevards Sunset e Hollywood a Los Angeles. Un luogo di nascita degno di una star mondiale. E la carriera della Stella di Natale così cominciò dove oggi sono onorate, sulla 'Walk of Fame', le stelle di fama mondiale dello star system e dell'industria dello spettacolo     statunitense.

Spronato dai suoi successi con la stella di Natale ad Hollywood, Ecke continuò a coltivare le poinsettia. Nella sua azienda agricola nel sud della California, coltivava le piante di poinsettia in estesi campi poi le metteva in commercio come fiori recisi grazie ad una rete di fiorai in tutto il paese. La produzione di fiori recisi fu in seguito soppiantata dalla produzione di piante da vaso. Ma è solo grazie ai successi nella coltivazione in Germania negli anni 1950, che oggi la Stella di Natale è capace di sopravvivere in ambienti riscaldati, condizioni che inizialmente erano sfavorevoli alla crescita della pianta stessa.

La moderna cultura della stella di Natale.

Le sue grandi brattee colorate fanno sì che la Stella di Natale sia la pianta ornamentale da vaso più comune in tutto il mondo. Le Poinsettia sono diventate un elemento indispensabile del periodo preparatorio al Natale e del Natale stesso, sia come arbusto che come fiore reciso, in varie misure, come oggetto decorativo o come regalo.

Non a caso le poinsettia raggiungono il momento di maggior colore proprio a Natale. La formazione di boccioli e delle colorate brattee, cioè il passaggio da una crescita vegetativa con foglie unicamente di color verde ad una crescita generativa, avviene solamente quando la giornata, e di conseguenza la luce diurna, dura meno di 12 ore. Nell’Europa Centrale, questo avviene intorno all’inizio e fino alla metà di settembre. Dopo l’inizio della formazione del fiore (induzione), ci vogliono altre sette/nove settimane prima che la Stella di Natale possa essere venduta con la sua gloriosa livrea colorata. I coltivatori moderni di Stelle di Natale, non lasciano nulla al caso nel delicato periodo dello sviluppo. Affinché le stelle fioriscano ogni anno in tempo per il periodo dell’Avvento e del Natale, i fioristi adottano elaborate tecniche di giardinaggio. Nella serra, si assicurano che la luce diurna e la temperatura siano costantemente quelle giuste; ricreano cioè le condizioni più adatte allo sviluppo di questa pianta da fiore invernale. In questo modo le stelle diventano rosse nel periodo giusto vivacizzando così l’Avvento e il Natale di chi le possiede.

Con la sua marcia trionfale in tutto il mondo, la Stella di Natale si è assicurata una posizione da vera star. Oggi è presente in più di 100 varietà, con colori, grandezze e formati sempre nuovi e diversi e che permettono di creare un vastissimo campionario di decorazioni di sicuro effetto. E la fine del suo successo non è ancora all’orizzonte!


Braktee